Home
Chi siamo
Statuto
Accordo Nazionale
Legge Regionale Toscana
Leggi e normative
Regolamento Polizia Urbana FI
I nostri consulenti
Distributori Locali
Consegna Pubblicazioni
Servizi Arretrati
Sovrasconti Natale
Procedura per la distruzione
Video pag. 1
Vademecum Rivendite di Firenze
Bandi per Suolo Pubblico
Moduli iscrizione a SNAG
Informativa Privacy

Documenti

                                                                                               

ULTIME NOTIZIE

 Intervista di Anouk Boone al Presidente Andrea Innocenti per il quotidiano Olandese HETFINANCIEELE DAGBLAD.

 A questo link è possibile leggere l'articolo in lingua italiana. 

16/10/21

 Apprendiamo la triste notizia dell'improvvisa scomparsa di Paolo Miconi, amico e collega, componente del Consiglio Nazionale dello S.N.A.G. Siamo vicini alla famiglia in questa tragedia. Il ricordo di Paolo sarà indelebile nella nostra organizzazione.

 In ragione del servizio di interesse generale che le edicole svolgono nel garantire la diffusione di quotidiani e periodici consentendo l’accesso dei cittadini a un’informazione pluralista, la Federazione Italiana Editori Giornali e le Organizzazioni Sindacali degli edicolanti (SNAG Confcommercio – SINAGI aff. SLC-CGIL – FENAGI Confesercenti – UILTUCS Giornalai) hanno inviato un appello alle Autorità competenti affinché venga ridotto il canone richiesto alle edicole per l’utilizzazione di aree e pertinenze demaniali marittime.
Ciò anche tenendo conto che l’attività posta in essere dalle edicole è scarsamente remunerativa e un aumento del 700% del suddetto canone rispetto al passato si tradurrebbe nella inevitabile chiusura di centinaia di punti vendita.

Riportiamo di seguito la lettera che le Associazioni di Categoria SNAG, Sinagi e Fenagi hanno inoltrato alle Autorità competenti al fine di valutare l'inserimento degli edicolanti tra le categorie di lavoratori addetti allo svolgimento di attività gravose. L'inserimento in tale lista consentirebbe ai rivenditori di accedere alle agevolazioni di legge previste come Ape Sociale e pensionamento anticipato.

 Riportiamo di seguito la lettera che le Associazioni di Categoria SNAG, Sinagi e Fenagi hanno inoltrato alle Autorità competenti al fine di valutare l'inserimento degli edicolanti tra le categorie di lavoratori addetti allo svolgimento di attività gravose.   
L'inserimento in tale lista consentirebbe ai rivenditori di accedere alle agevolazioni di legge previste come Ape Sociale e pensionamento anticipato.

di DARIO DE VITOFRANCESCHI -- Messaggio di fiducia e di ottimismo da parte del Premier Mario Draghi intervenuto ieri all’Assemblea di Confindustria. L’Italia – ha ricordato il Premier – ha uno dei tassi di crescita più alti in Europa (il 6% stimato per il 2021), tassi mai visti dagli anni ‘50 (anche se in verità si tratta di un rimbalzo rispetto al 2020, vero annus horribilis per l’economia italiana).

La sfida di Governo, sistema produttivo e parti sociali è quella di fare in modo che questa crescita sia duratura e sostenibile, ha ammonito Draghi, secondo cui i pericoli più imminenti alla ripresa economica sono l’andamento dei contagi e quello dei prezzi, contro cui il Governo interverrà attivamente.

Il PNRR sarà poi fondamentale per dare all’Italia una crescita inclusiva ma i fondi – ha avvertito Draghi – devono essere “spesi bene”.

Il Presidente del Consiglio ha poi ringraziato le imprese e i loro lavoratori per quanto hanno fatto, per la capacità di reagire ma ha chiesto di “fare di più”, di condividere una prospettiva di sviluppo, un patto economico sociale con il quale aprire una pagina di cui l’Italia andrà fiera.

“Un Governo che cerca di non far danni è già molto ma non basta”, ha dichiarato Draghi ribadendo che “il Governo non intende aumentare le tasse: in questo momento i soldi si danno e non si prendono”.

Secondo il Premier il compito del Governo è quello di fare in modo che il “gusto del futuro” continui a restare nelle scelte imprenditoriali. Bisogna poi investire in buone relazioni industriali perché quando l’intero quadro politico internazionale cambia, bisogna essere uniti per non aggiungere incertezza interna a quella esterna.

Potrà sembrare retorico o irrealizzabile, ma far tornare un minimo di “gusto del futuro” anche nelle edicole – con una prospettiva di sviluppo fondata su digitalizzazione, adeguamento tecnologico e ampliamento dei servizi e beni commercializzati ed intercettando forme di sostegno pubblico – è ciò che lo SNAG sta faticosamente cercando di fare, immaginando una nuova “edicola del futuro”, sostenibile, che sia in grado di rimanere sul mercato nonostante la cronica e sistematica riduzione dei volumi di vendita di quotidiani e periodici.

L’inserimento nel tax credit dei costi per l’acquisto e il noleggio di registratori di cassa elettronici e di dispositivi POS è un risultato concreto di questa politica: bisogna crederci e cercare di riacquistare, anche in edicola, un po’ di quel “gusto del futuro” evocato da Draghi.

 È fondamentale che tutte le edicole accedano a questa misura di sostegno messa in campo dal Governo per sostenere la categoria. È evidente che dal livello di adesione dipenderà la possibilità di ottenere la conferma di questa misura per i prossimi anni.

Raccomandiamo a tutti gli associati di utilizzare questa forma di sostegno e invitiamo i Presidenti di struttura a verificare e sollecitare l’adesione da parte dei propri iscritti.

Interessante intervista al Presidente di SNAG Andrea Innocenti questa mattina su Rai Radio 1. Durante la trasmissione MOKA, Innocenti ha messo a fuoco alcune delle problematiche del settore: la scarsa propensione dei giovani a leggere giornali, la necessità delle edicole di ampliare l’offerta con nuovi servizi e prodotti rivolti al cittadino, gli aggi esigui sulla vendita di giornali e il difficile equilibrio tra carta stampata e digitale, laddove l’80% dei ricavi delle società editrici arrivano dalle vendite in edicola e solo il 20% dall’online.

“È innegabile - ha detto Innocenti - che il nostro settore è in forte crisi. Purtroppo le persone, in particolare i giovani, non leggono la carta stampata e purtroppo si sono trasformati in leoni da tastiera. Certamente non possiamo fermare la tecnologia che avanza con telefoni, Pc e iPad. Le notizie sono bruciate all’istante e si moltiplicano purtroppo le fake news. Tutto ciò avviene perché non c’è un rinnovo generazionale dei lettori. Per questo la nostra associazione, lo SNAG, in alcune zone ha effettuato nelle scuole corsi di lettura di giornali quotidiani e spiegato le modalità di creazione di un giornale. È stato un esperimento molto positivo che contiamo di riprenderete in altre località”.

Detto questo, è altrettanto vero che le rivendite stanno cambiando pelle e non sono più solo il luogo deputato alla vendita di giornali. Si va in edicola per ritirare certificati anagrafici, per ritirare pacchi, per comprare biglietti dei mezzi pubblici. Premesso che “il nostro lavoro è comunque quello di divulgare la carta stampata”, le edicole - ha precisato Andrea Innocenti - devono essere in grado “anche di fornire altri servizi complementari al cittadino in quando gli aggi sulla vendita dei giornali sono esigui”.

Ma non è tutto così semplice e l’edicola resta centrale per l’editoria e la carta stampata. “Il vero lettore è esigente e chi acquista giornali chiede articoli di approfondimento, cosa che rimane difficile con strumenti tecnologici. Tanto è vero - ha concluso il Presidente di SNAG - che le attuali percentuali di vendita sono 80% su carta stampata e 20% sull’online. Non so se nell’immediato futuro ci potrà essere un capovolgimento di tali percentuali”.

Editoria, Moles: “Arrivato il momento di sostenere e far ripartire l’intera filiera”: – “Ho approfondito dossier che riguardano le difficoltà che la filiera del mondo editoriale italiano affronta in questo periodo, anche con grande forza di volontà. Credo che sia arrivato il momento di sostenere e far riaprtire l’intero settore”. Lo ha detto Giuseppe Moles, sottosegretario all’Editoria, Fatti e Misfatti, su Tgcom 24. “La pandemia ha accentuato ulteriormente le difficoltà – ha affermato – ecco perché sostenere e non ristorare per quanto possibile l’intera filiera”. “E’ l’unico modo che abbiamo per far sì che si possa costruire nuovo sviluppo e che, chi ha superato momento crisi pandemico e socio-economico, possa investire e in questo il Pnrr è molto utile. Sono contento di aver fatto inserire nel capitolo della digitalizzazione la possibilità che tutte le imprese della filiera, nessuna esclusa, di accedere alle misure“. Di Paola Grassani fonte di CRONACHE di Quotidiano Indipendente.

Indici ISTAT,  si iforma che sulla Gazzetta Ufficiale n. 150 del 25 giugno 2021 è stato pubblicato il comunicato ISTAT concernente l'indice dei prezzi al consumo relativo al mese di maggio 2021, necessario per l'aggiornamento del canone di locazione degli immobili ai sensi della Legge 392/78 ed ai sensi della Legge 392/78 ed ai sensi della Legge 449/97.

La variazione annuale maggio 2020 - maggio 2021 è pari a 1,3 (75% = 0,975).

La Variazione biennale maggio 2019 - maggio 2021 è pari a 0,9 (75% = 0,675).

Principali news fiscali e contributo a fondo perduto.
Differimento pagamento rata immissione 2021.

Si informa che sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 23 aprile 2021 è stato pubblicato il comunicato ISTAT concernente l’indice dei prezzi al consumo relativo al mese di marzo 2021, necessario per l’aggiornamento del canone di locazione degli immobili ai sensi della Legge 392/78 ed ai sensi della Legge 449/97. La variazione annuale marzo 2020 – marzo 2021 è pari a 0,7 (75% = 0,525). La variazione biennale marzo 2019 – marzo 2021 è pari a 0,8 (75% = 0,600).

Vedi allegato.
BONUS ELENCO DEI BENEFICIARI Presidenza del Consiglio dei Ministri. DIPARTIMENTO PER L’INFORMAZIONE E L’EDITORIA Approvazione dell’elenco dei soggetti cui è riconosciuto il contributo una tantum a favore delle persone fisiche esercenti punti vendita esclusivi per la rivendita di giornali e riviste, non titolari di redditi da lavoro dipendente, di cui all’articolo 6-ter, del D.L. 28 ottobre 2020, n.137, convertito con modificazioni dalla Legge 18 dicembre 2020, n.176z.

 -Circolare SNAG del 24-03-2021 (vai)

-Istanza per il riconoscimentq a fondo perduto (vai)

-Istruzione per la compilazione (vai)

-Guida per la richiesta del contributo a fondo perduto (vai)

23/03/21
Decreto Sostegni - Contributo a fondo perduto.
Scadenza 31 dicembre 2021.

Recovery Plan, rappresenta un'occasione irrepetibile per innovare la rete edicole garantendo il pluralismo e migliorando il servizio al cittadino.

Adempimenti e versamenti tributari.
21/01/21
Richiesta bonus una tantum edicole. Art. 6-ter decreto legge 28 ottobre 2020,137, convertito con modificazioni della legge 18 dicembre 2020, n. 176.
Presentazione delle domande dal 21 gennaio 2021 ore 10 al 28 febbraio 2021. (vedi allegato)
Scomparso il giornalista Giuseppe Turani grande firma del giornalismo italiano.


Roma 29 Settembre 2021

“Di fronte a difficoltà eccezionali” le imprese del terziario “hanno reagito in modo straordinario” ma ora è il momento di “ricostruire il futuro” inteso come “costruire il nuovo” perché “da subito ci siamo resi conto che, se la normalità fosse tornata, sarebbe stata una “nuova” normalità”. Il tema della ricostruzione post pandemia è stato la colonna portante della XXV Assemblea Nazionale di Confcommercio, a cui aderisce lo SNAG, che si è svolta ieri a Roma alla presenza di vari Ministri e responsabili politici.

(Nella foto in alto il Presidente di Confcommercio Carlo Sangalli mentre illustra la propria relazione presso l'Auditorium Conciliazione e, a fianco, il Presidente di Confcommercio con il Presidente dello SNAG Andrea Innocenti)

“La ripresa dell’economia italiana è più sostenuta delle attese. Forse è finita la crisi ma non sono finiti i sacrifici dei nostri imprenditori” perché “stiamo, sì, correndo, ma per tornare al punto di partenza, cioè al 2019”, ha detto il Presidente Carlo Sangalli invocando un patto per la produttività al fine di realizzare una crescita “robusta, duratura e inclusiva”.

A tal fine è importante non disperdere i 195 miliardi del PNRR e gli altri fondi nazionali ed europei: “senza una spesa di qualità rischiamo, infatti, di costruire un futuro economico debole e vulnerabile, lasciando alla “next generation”, per l’appunto, solo debiti”, ha puntualizzato il numero uno di Confcommercio. Altrettanto importante è fare “un passo in avanti” nella tutela dei lavoratori. E su questo punto Sangalli è stato esplicito: no al salario minimo per legge, sì alla contrattazione collettiva, l’unico strumento “che garantisce retribuzioni adeguate e un moderno sistema di welfare sanitario e previdenziali” oltre a tutelare le persone e le loro competenze.

Bisogna poi “restituire fiducia, che è da sempre il motore della spesa privata” e pensare al ruolo dei giovani e delle donne, risolvere la questione del Mezzogiorno e migliorare le infrastrutture, incentivare il digitale e la semplificazione oltre a ridurre le tasse, il tutto pensando anche alla sostenibilità ambientale che per essere tale deve essere anche sociale ed economica, ha sottolineato Sangalli.

Di un patto per far ripartire il Paese ha parlato anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio di cui è stata data lettura in apertura di Assemblea. “Per trasformare i segnali di ripresa in solidi risultati”, ha affermato il Capo dello Stato, “occorrono una forte determinazione e un impegno diffuso e coeso da parte delle istituzioni e di tutte le forze economiche e sociali”. In tal senso, ha affermato Mattarella, “il ruolo delle piccole e medie imprese è cruciale”.

La conclusione dei lavori è stata affidata invece al Ministro per lo Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, il quale ha ricordato come le aziende del terziario siano state quelle più colpite dalla pandemia e “ancora continuano ad esserlo”. L’obiettivo del Governo, ha rassicurato il Ministro, è rendere stabile il rimbalzo della crescita e a questo proposito ben venga l’approvazione del recovery plan “anche se per ora c’è il plan ma manca il recovery”.

Per consolidare la ripresa, tuttavia, ha detto Giorgetti, “non basta stanziare finanziamenti e fare una buona legge. Lo sviluppo lo fanno gli imprenditori che tutti i giorni rischiano e si mettono in gioco affrontando la concorrenza”. E proprio la riforma della concorrenza, ha assicurato il Ministro, sarà a breve al vaglio del Governo



 Durante il Consiglio Nazionale dello SNAG in data 24 giugno 2021a Milano è stata presentata Azienda Edicola News anno I N.1-2021. Edizione cartacea in distribuzione ai soci tramite abbonamento postale. Pubblicazione sfogliabile su www.snagnazionale it

 
EDITORIALE DEL PRESIDENTE
   Una Bussola per orientarsi"


Consegna pubblicazioni in uscita per data presunta
aggiornamento  giornaliero
  [
vai  ] 




















S.N.A.G. TOSCANA
Via Vincenzo Viviani, 50 50019 Sesto Fiorentino (Fi) Italy
Tel: 055-474012 /3391115244
P.IVA: Codice Fiscale: 94040660485
E-mail: info@snagtoscana.it